leasing-finanziario

Per gli imprenditori che debbano effettuare acquisti di strumenti per la propria azienda c’è un particolare strumento a loro disposizione: la formula del leasing finanziario. La società di leasing acquista da un fornitore il bene che l’imprenditore va ad utilizzare, mentre quest’ultimo usufruisce dei benefici derivanti dall’impiego del bene nella propria attività professionale e non impegna il proprio capitale. Interessati? Continuate a leggere per saperne di più oppure approfondite l’argomento su Delleconomia.it.

Leasing finanziario: acquisti vantaggiosi per gli imprenditori

Il leasing finanziario è un tipo di finanziamento grazie al quale un soggetto ha la possibilità di utilizzare, a fronte del pagamento di un canone, un bene acquistato da una società finanziaria presso un fornitore per un periodo di tempo ben preciso. Una volta terminato il periodo di rateizzazione, l’utilizzatore del bene può decidere se divenire o meno proprietario del bene pagando un prezzo di riscatto.

Leasing finanziario: i soggetti

I soggetti coinvolti nel contratto di leasing finanziario sono 3:

  • l’utilizzatore: colui che sceglie e prende in concessione un bene nell’ambito di esercizio della propria attività, professione o impresa e che al termine del contratto ha la facoltà di riscattare il bene;
  • il concedente: la società di leasing che acquista materialmente il bene scelto dall’utilizzatore e ne rimane proprietario fin quando quest’ultimo non decida eventualmente di riscattarlo;
  • il fornitore: viene scelto dall’utilizzatore ed è colui che vende alla società di leasing il bene.

Leasing finanziario: come funziona

Il leasing finanziario presenta numerosi vantaggi rispetto all’acquisto diretto di un bene. Primo fra tutti chiaramente il fatto di non dovere impegnare il proprio capitale e di poter invece usufruire dei flussi finanziari derivanti dal bene, e cioè il leasing deve essere di tipo strumentale. C’è da aggiungere che la società finanziaria va a coprire l’intero valore del bene strumentale comprensivo di i.v.a. e che questa viene dilazionata nei canoni periodici. Secondo il principio contabile internazionale infatti, si definisce leasing finanziario il contratto col quale vengono trasferiti in capo all’utilizzatore tutti i rischi e i benefici connessi alla proprietà del bene locato, e che presenti formalmente nel contratto l’opzione di riscatto (acquisto definitivo del bene al termine del periodo prestabilito). Se così non fosse, si dovrebbe infatti parlare di leasing operativo. Un elemento importante da considerare del leasing finanziario è la durata: in Italia non può essere per legge inferiore alla metà del periodo di ammortamento per il leasing di tipo strumentale, mentre non può essere inferiore a 8 anni per i leasing di autovetture o un leasing di immobile.

Leasing finanziario: i vantaggi

Vediamo di sintetizzare qui di seguito i principali vantaggi della formula del leasing finanziario.

Si è già parlato del fatto che il leasing copra l’intero costo del bene strumentale comprensivo di i.v.a. che viene frazionata nei canoni; inoltre il periodo di ammortamento è accelerato rispetto ai tempi tradizionali. Il canone può essere stabilito con estrema flessibilità a seconda delle esigenze dell’imprenditore ed infine l’imprenditore, a differenza dell’acquisto diretto, si troverebbe sollevato da una serie di incombenze quali la manutenzione l’assistenza e la consulenza che sono invece fornite dalla società che concede il leasing.

Insomma, a conti fatti con il leasing finanziario qualsiasi imprenditore che necessiti di acquistare beni per la propria attività ha a disposizione uno strumento ad hoc, facile e veloce.

Leasing strumentale: una risposta veloce e completa alla necessità di innovazione

Leasing business concept with icons about contract agreement between lessee and lessor over the rent of an asset as car, vehicle, land, real estate or equipment, or buy, professional businessman


Il leasing strumentale funziona in questa semplice maniera: un professionista che intenda acquistare un nuovo tipo di bene necessario allo svolgimento della propria attività non deve fare altro che presentare un preventivo di spesa all’istituto che concede il leasing strumentale e questo lo acquisterà per suo conto, permettendo al professionista di usufruire del bene a fronte del pagamento di un canone. Alla scadenza del contratto di leasing il bene viene riscattato.

Grazie a questo tipo di funzionamento, il leasing strumentale risulta essere una soluzione unica per piccoli, medi e grandi imprenditori che hanno una continua necessità di ammodernamento dettata dal rapido sviluppo dell’era odierna.

Leasing strumentale – I vantaggi

Il leasing strumentale è sicuramente una risposta rapida e flessibile alla necessità di sviluppo e innovazione delle piccole e medie imprese: grazie a questo strumento infatti è possibile incrementare la propria produttività senza andare a incidere sul capitale dell’azienda. Per quanto riguarda la deducibilità del leasing si possono trovare informazioni dettagliate, con tutti i riferimenti alle norme di legge, dal sito della società di leasing Sviluppo Aziendale Srl; da questo sito è inoltre possibile scaricare tutta la modulistica che viene richiesta sia nella prima fase istruttoria (cioè quando, dopo aver presentato alla società di leasing il preventivo di spesa del bene che si intende acquistare, questa ne valuta la sicurezza) sia nella  vera e propria fase di richiesta di finanziamento.

Di Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *